guida consumatori


Registrazione marchi e brevetti: ecco i codici tributo per i versamenti online con F24

Con la risoluzione n° 11/E del 29 gennaio 2015, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per il versamento, tramite i modelli “F24 Versamenti con elementi identificativi” ed “F24 Enti pubblici”, dei diritti relativi ai titoli di proprietà industriale e delle tasse sulle concessioni governative sui marchi.


Con questo atto viene completata una piccola rivoluzione, a vantaggio di imprese e cittadini, che semplifica la vita a chi vuole tutelare i propri marchi e brevetti. Dal 2 febbraio 2015 infatti, sarà possibile trasmettere online, direttamente dal proprio computer, le domande di brevetto, marchio e disegno industriale. Destinatario: il Ministero dello Sviluppo economico.


Attraverso il sito del MISE cittadini e imprese avranno accesso alla compilazione guidata, assistita e controllata dei moduli online, dopodiché potranno procedere alla quantificazione e al pagamento delle tasse dovute tramite modello F24. Tutto ciò in osservanza alla nuova modalità di deposito telematico e grazie agli accordi tra la Direzione Generale per la lotta alla contraffazione-Ufficio italiano brevetti e marchi e l’Agenzia delle Entrate.
La nuova procedura porterà vantaggi molto concreti, soprattutto in termini di risparmio di denaro, trasparenza e dialogo più diretto e accessibile con la Pubblica Amministrazione.


GUIDA PRATICA PER IL VERSAMENTO DEI CONTRIBUTI
Per consentire il versamento, esclusivamente tramite il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi”, dei diritti relativi ai titoli di proprietà industriale e delle tasse sui marchi, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i seguenti codici tributo:


• “C300” denominato “Brevetti e Disegni – Deposito, Annualità. Diritti di opposizione. Altri tributi”;
• “C301” denominato “Annualità Convalida Brevetto Europeo”;
• “C302” denominato “Marchio – Primo Deposito, Rinnovo”.


Ecco le modalità di compilazione dei campi del modello di pagamento “F24 Versamenti con elementi identificativi”.
Nella sezione “CONTRIBUENTE”, sono indicati i dati anagrafici e il codice fiscale del soggetto che effettua il versamento.
Nella sezione “ERARIO ED ALTRO” sono indicati:
• nei campi “codice ufficio” e “codice atto”, nessun valore;
• nel campo “tipo”, la lettera “U” (identificativo UIBM), desumibile dalla “Tabella dei tipi di versamento con elementi identificativi”, pubblicata sul sito www.agenziaentrate.gov.it;
• nel campo “elementi identificativi”, i dati forniti dall’Ufficio italiano brevetti e marchi del Ministero dello sviluppo economico (UIBM);
• nel campo “codice”, il codice tributo;
• nel campo “anno di riferimento”, l’anno cui si riferisce il versamento, nel formato “AAAA".


I suddetti codici tributo C300, C301 e C302 possono essere utilizzati anche per il versamento dei diritti relativi ai titoli di proprietà industriale e delle tasse sui marchi, tramite il modello “F24 Enti pubblici”.


In sede di compilazione del modello “F24 Enti pubblici”:
• nella sezione “CONTRIBUENTE”, sono indicati il codice fiscale e la denominazione/ragione sociale dell’ente pubblico che effettua il versamento;
• nella sezione “DETTAGLIO VERSAMENTO” sono indicati:
- nel campo “sezione”, il valore “F” (Erario);
- nel campo “codice tributo/causale”, il codice tributo;
- nel campo “estremi identificativi”, i dati forniti dall’Ufficio italiano brevetti e marchi del Ministero dello sviluppo economico (UIBM);
- nel campo “riferimento B” l’anno cui si riferisce il versamento, nel formato “AAAA”;
- nei campi “codice ufficio”, “codice atto”, “identificativo operazione tributi locali”, “codice” e “riferimento A”, nessun valore.

30 / 01 / 2015

Articolo aggiornato il

Ultimi aggiornamenti

Scrivi il tuo commento sulla pagina
'Registrazione marchi e brevetti: ecco i codici tributo per i versamenti online con F24 '


Il tuo nome (facoltativo)

Contatti

Per contattare la redazione del sito Infoconsumatori scrivere all'indirizzo email info@infoconsumatori.com

 

Modello 730: caratteristiche e scadenze

Modello 730/2014: istruzioni e novità

730/2013 editabile in pdf

Detrazioni fiscali

730 al Caf o al datore di lavoro: differenze

Modello 730 al Caf: documenti da presentare

Dichiarazione congiunta 730

730/2013: struttura e guida compilazione

Liquidazione rimborsi e trattenute

730/2013: familiari a carico

5 per mille

Cedolare secca 2013

730/2013: oneri e spese

Guida alla compilazione del 730: chi è esonerato dal presentarlo

Guida alla compilazione del 730: come dedurre l´assicurazione auto nella dichiarazione dei redditi

Risparmiare con il 730: elenco completo degli oneri detraibili e deducibili

Detrazioni asilo nido

Detrazione 36 % per ristrutturazione edilizia

Detrazione 55 % per interventi di risparmio energetico

Calcolo detrazioni figli a carico

Detrazione spese mediche

Detrazione interessi mutuo

Detrazioni per chi vive in affitto

Detrazione spese veterinarie

Spese deducibili 2012

Rimborso Irpef

730 integrativo




Disdetta ADSL e telefono

Disdetta Sky

Modulo disdetta Sky

Modulo disdetta Sky 2012 in pdf

Disdetta Mediaset Premium

Modulo disdetta Mediaset Premium

Disdetta Canone Rai

Modulo disdetta Canone Rai

Disdetta Fastweb

Disdetta Assicurazione auto

Lettera disdetta Assicurazione auto

Disdetta Telecom

Modulo disdetta Telecom

Disdetta Infostrada

Modulo disdetta Wind Infostrada

Disdetta Teletu

Disdetta Enel

Disdetta contratto di locazione

Disdetta Vodafone Station

Modulo Altroconsumo per non pagare costi di disattivazione

Disdetta ENI luce e gas

Modulo disdetta ENI

Disdetta Tiscali

Disdetta Acea

Disdetta PosteMobile


 
www.infoconsumatori.com di L.Funari - email info@infoconsumatori.com -